Come è la gastronomia italiana?

Uno dei grandi piaceri di viaggiare in Italia è quello di gustare la cucina tipica italiana. Ma conosciamo il vero cibo italiano? Come accade in molti altri paesi la cui cucina è famosa e consumata in tutto il mondo, ciò che viene fuori non è sempre legato a quello che era originariamente nel paese. L’ emigrazione in Italia dura da almeno tre generazioni, per cui nel mondo ci sono diverse versioni di “cibo tradizionale italiano”, un chiaro esempio sono paesi come gli Stati Uniti o l’ Argentina.

L’opinione del cibo italiano è piuttosto limitata: poco più conosciuto della pasta e della pizza come concetti generali. Si ritiene sia un cibo ricco e facile che piace a tutti, compresi i bambini, ma certamente non sofisticato, complesso e quindi non molto apprezzato.

Cucina toscana e altri

La verità è che non sono un esperto, quindi non posso insegnare la cucina italiana e tutto quello che dico si basa sulla mia esperienza di italiano con il cibo e sulle differenze di percezione che ho notato nei diversi paesi in cui ho viaggiato o vissuto. Quello che so è che, a causa della complessa storia del paese, che fino a poco tempo fa era stata divisa in molti stati diversi, era difficile parlare di un pasto tipico italiano. Ciò di cui dovremmo parlare è la cucina tipica italiana, al plurale, per area geografica, regione o anche città.

Qualcosa di simile a quello che accade in Spagna – cosa c’ entra la cucina galiziana con la cucina andalusa – ma in modo ancora più esagerato, a causa della maggiore densità di popolazione in Italia e perché il territorio è stato diviso in paesi molto più piccoli fino alla metà del XIX secolo. Per esempio, nel nord, il burro viene usato più spesso che nel sud, dove il re è l’ olio d’ oliva; che al centro ci sono cereali come il farro che si mangia fin dall’ epoca romana; o che la pasta fresca è originaria del nord mentre la pasta secca e la pizza lo hanno nel sud, tra le altre cose. E anche che la cucina più esportata e conosciuta è quella del sud Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *